torna alla home page
The Paper Boy

IS THERE ANYBODY OUT THERE?

James Guthrie

 

 

 

Il primo demo di The Wall che Roger mi spedì aveva abbastanza materiale per tre album, ma durante il processo d'incisione è stato diminuito a due. I quattro di noi sulla parte di produzione discussero cambi e sviluppi, così come sistemazioni e strumentazione su una base quotidiana e regolare, ma poi la maggior parte della scrittura ed il concetto complessivo era di Roger, lui prese la maggior parte delle decisioni finali. Una delle sue grandi forze è che lui è molto bravo a cancellare le cose: non gli interessa se qualcosa ha potuto prendere tre giorni per produrre, né che gli piace. Se non è adatto, o se non serve a nessun scopo al suono complessivo o narrativo, va via. Per me, quella è una regola molto importante di produzione.Hai bisogno di essere in grado di essere spietato quando necessario. In vari momenti durante le sessioni Roger si avvicinò per mixare gli spettacoli dal vivo, non aveva mai mixato prima un spettacolo live, ed era naturalmente ansioso della prospettiva di lavorare nell'ambiente acustico e radicalmente diverso dal concerto nell'arena, ma Roger insisteva. Alla fine compresi che sarebbe stata una sfida fantastica e d'esperienza.Musicalmente, lo show scenico era fedele all'incisione a parte alcune aggiunte.' What Shall We Do Now', per esempio, era stato rimosso dall'album all'ultimo minuto per fare il resoconto più conciso e perché in quei giorni stavamo lavorando al vinile. Il principale problema logistico dello show era la sincronia. C'era così tanto da coordinare: i pupazzi gonfiabili da far apparire su indicazione; gli effetti sonori; l'aeroplano; i film di Gerald ecc. Per non menzionare la costruzione del muro stesso. Era enormemente complesso. Infatti, l'area del nostro mixer era più vasta che la maggior parte degli studi di incisione avrebbe avuto in quel periodo. Centosei canali d' ingresso, non incluso il ritorno dell'eco! Siccome ognuno voleva produrre la risoluzione sonora più alta che era possibile dovevamo realizzare anche la separazione massima dall'amplificazione posteriore. Questo significava creare sul palco, in modo efficace, le condizioni dello studio. Non penso che chiunque abbia provato prima a montare un tale show elaborato. Fino alla serata d'apertura non avevamo mai fatto una prova completa. Avevamo avuto qualche prova veloce durante la quale ci fermavamo per correzioni, sbagli e riposarci, ma non avevano mai eseguito lo show senza alcune interruzioni. L'unica vera disfunzione accadde nella prima notte quando un drappo scenico prese fuoco dallo spruzzare fiamme alla fine di 'In The Flesh'. A parte quell' incidente gli show generalmente funzionarono molto agevolmente.

 

Roger Waters
David Gilmour
Nick Mason
Rick Wright
Gerald Scarfe
Jonathan Park
Mark Fisher