torna alla home page
The Paper Boy

 

IS THERE ANYBODY OUT THERE?

 

David Gilmour

 

 

Per me, il miglior punto di The Wall era trovarmi in cima ad esso. Eravamo alcune canzoni nella seconda metà dello show. Il gruppo era stato murato dentro, il pubblico lasciato di fronte ad una barriera enorme, bianca. 'C'è nessuno là fuori ?' cantava Roger, una piccola figura che ora appare sulla destra del palcoscenico. Poi, un trucco di luce, io ero là, 30 piedi su, col calore di quattro enormi riflettori sulla schiena, gettando la mia ombra fino a vedere sopra il pubblico, mentre iniziai l'assolo ad uno dei migliori brani musicali che io abbia mai scritto: 'Comfortably Numb'. La sensazione era certamente incredibile, pressocché fuori-dal-corpo. Per alcuni minuti, ero libero dalla folla, la band, il forte gruppo degli '80 ed il rumore in cuffia. Non dovevo pensare dove dovevo essere per il prossimo numero, o dirigere il coro, o dare il via ai roadies. Potrei fare semplicemente la parte del mio lavoro che più mi piace: suonare la chitarra, tentando di farlo un pochino meglio ogni notte. The Wall fu concepito sempre come un album in studio, un film ed un show scenico. Il dinamismo tra un gruppo dal vivo ed il suo pubblico era solamente uno dei tanti temi del concept. Ma quello che era così intelligente dell' idea di Roger era che lo show stesso era un commento su quel tema. Il gruppo vide il drammatico potenziale appena lo presentò, sebbene noi non anticipammo come può essere ingannevole tenere il tempo mentre una torre di mattoni, ognuno che pesa approssimativamente 20 libbre, sta crollando su da un'attrezzatura protettiva due piedi sopra le nostre teste. La prima volta che ne ero venuto a conoscenza era stata in una riunione del gruppo dopo il tour di Animals, convocata per discutere nuovi progetti. Roger portò due pezzi, uno dei quali diventò The Wall. (L'altro, che penso divenne il Pros and Cons of Hitch-Hiking di Roger, sembrava più forte musicalmente ma era un'idea meno interessante). Costruire un muro tra noi ed il pubblico era una metafora impressionante per l'intimità che noi avevamo perso come band da stadio. E sebbene pensavo che stavamo ancora trasmettendo alla maggioranza dei fans malgrado il rumore e le condizioni la perdita del controllo del nostro ambiente mi agitò definitivamente. Naturalmente diede a Roger molto di più. I piani di Roger richiesero una modifica così estenuante in modo tale che lui portò il suo studio di casa di fianco alla nostra porta della sala d'incisione. Il demo doveva essere trasformato in un album, l'album in un secondo tempo show e lo show in un film , tutti della stessa durata. Per i prossimi spettacoli dal vivo, io presi il ruolo di direttore musicale: scegliendo e provando i musicisti addizionali, tenendoli sul soddisfacente. Per le incisioni, cambiavo tra produzione e composizione. E, naturalmente, suonavo la chitarra e cantavo. Diverse canzoni del demo originale furono escluse, pezzi interi furono cambiati e l'originale 'Young Lust' sopravvisse solamente nel suo ritornello. Se a Bob Ezrin, il coproduttore dell'album, o a me non piaceva qualcosa e si discuteva abbastanza fortemente con Roger, lui andava semplicemente nella porta accanto e ci lavorava sopra. Una volta era d'accordo a ricostruire qualcosa, o scrivere materiale nuovo, poteva essere incredibilmente efficace e veloce. ('Nobody Home' era una canzone completamente nuova che scrisse durante la notte). Separatamente da 'Young Lust', i miei crediti furono confinati in 'Run Like Hell' e 'Comfortably Numb'. Entrambi erano destinati originariamente per un album solista che avevo terminato l'anno prima. Sono le punte musicali di spicco di The Wall, ma d'altra parte dovevo pensarlo, non dovevo? La presentazione visuale del pezzo era il risultato di una discussione simile e la collaborazione, che cambiò notevolmente come andavamo avanti. Lo schema originale di Roger era stato di spingere il pubblico a distrarsi eseguendo molto del secondo tempo non visti, da dietro il muro. Ma dalla notte inaugurale, avevamo trovato il modo di tenere il muro più o meno intatto e nel frattempo dare qualche cosa da guardare ai fans: le animazioni di Gerald Scarfe;la sequenza di Roger nell'albergo, in una stanza che fuoriusciva dal muro; il mio momento su 'Comfortably Numb' non posso dire che fosse il mio stile preferito da eseguire. Non è The Wall il mio pezzo preferito dei Floyd (quello è Wish You Were Here). Ci sono delle sezioni più deboli - e cosi via, il materiale di Vera Lynn, Bring the Boys Back Home, per esempio. Ma quando è buono, è molto molto buono. E gli show erano fantastici per meriti propri. Per valutare il fenomeno, devi focalizzare. Era come un'esperienza molto teatrale come un musical. L'album fu strutturato ermeticamente e la tecnologia costrinse a produrre quell' ulteriore tipo di teatro, limitando la nostra flessibilità musicale, dandoci anche meno spazio per improvvisazioni e spontaneità di quando suoni dal vivo. Ci siamo divertiti durante l'incisione e gli show. Roger ed io lottammo con unghie e denti su dei dettagli che non sono sicuro potrei giudicare allo stesso modo anche ora. Passai più di un anno della mia vita a lavorare su The Wall - e per le migliori parti da solo, ne valeva davvero la pena.

 

Roger Waters
Nick Mason
Richard Wright
Gerald Scarfe
Jonathan Park
James Guthrie
Mark Fisher