Home Syd

Discografia

Sessions

Immagini

The Band

Home

Una volta bene sottoterra,sai esattamente dove sei.Nulla può accaderti,e nulla può raggiungerti. Sei l'esclusivo padrone di te stesso,non devi consultare nessuno o curarti di quel che dicono.Le cose seguono il loro corso sopra di te,e tu le lasci fare,e non te ne preoccupi.Quando vuoi,risali,ed ecco lì tutte le cose ad aspettarti...
-La talpa in The Wind of Willows,di Kenneth Grahame-

Roger Keith "Syd" Barrett

 

Roger Keith "Syd" Barrett nasce a Cambridge il 6 Gennaio 1946.Aveva sempre mostrato una certa passione per la musica e l'arte.Benchè avesse deciso di studiare pittura,anche il suo interesse per la musica era nato molto presto."Il mio primo strumento era stato un'ukulele,poi quando avevo 12 anni i miei genitori mi regalarono un banjo.Un anno dopo li convinsi a comprarmi una chitarra da poco prezzo,e imparai a suonarla con l'aiuto di libri d'insegnamento e di amici che sapevano suonarla un pò.All'età di 15 anni feci un notevole passo avanti,divenni l'orgoglioso possessore di una chitarra elettrica e con un piccolo amplificatore che costruii da solo,mi unii al mio primo gruppo,i Geff Mott and the Mottoes,con il quale suonavo alle feste nella mia città natale,Cambridge.Dall'età di 16 anni,per un paio d'anni,non ebbi un gruppo fisso,e in questo periodo comprai una chitarra a 12 corde e un basso,che suonavo in un altro gruppo locale,gli Hollering Blues.In seguito decisi di trasferirmi a Londra.Mi ci volle un bel pò per entrare nel giro,ma poi unii le mie forze insieme a quelle di tre ragazzi che avevo conosciuto.Passai alla chitarra solista,e dopo aver cambiato spesso nome al gruppo,decidemmo di chiamarci Pink Floyd."
Syd sviluppò le sue conoscenze musicali a Cambridge insieme all'amico David Gilmour,che gl'insegnò diverse cose sulla tecnica giusta per suonare la chitarra.Quando alla fine Gilmour entrò nei Pink Floyd,sostituendo Syd,molti critici paragonarono sfavorevolmente il suo stile a quello di Barrett,affermando che alcune tecniche,quali l'uso della slide e dell'eco,erano state in realtà inventate da Barrett.Naturalmente Gilmour fù infastidito da questa critica e spiegò in un'intervista:"La realtà è un'altra,io usavo l'eco già molti anni prima di Syd e usavo anche la slide.Insegnai a Syd un bel pò di cose sulla chitarra.Voglio dire,molti mi accusano di aver preso il mio stile da lui,invece sono i nostri background ad essere simili.Da ragazzi trascorrevamo molto tempo insieme,ascoltando la stessa musica.Siamo stati entrambi influenzati da più o meno le stesse cose e a quell'epoca sapevo suonare meglio di lui.Per un anno intero al Technical College,gli insegnai gli accordi degli Stones durante la pausa del pranzo.Quel tipo di critica mi manda in bestia.Non voglio che si pubblichi una mia dichiarazione secondo la quale io avrei insegnato a Syd tutto quello che sà sulla chitarra,sarebbe una falsità,ma devo dire che ci sono alcune cose nel suo stile che sono partite da me".David Gilmour ricorda che Syd riusciva a catalizzare l'attenzione fin da quando era molto giovane,con il suo abbigliamento da bell'uomo che faceva colpo,i capelli neri scompigliati e il suo enigmatico sorriso."Era una personalità veramente magnetica.Quando era molto giovane,nella sua città era già un personaggio.La gente lo incontrava per strada e diceva "ecco Syd Barrett",e lui aveva solo 14 anni."Cosi lo ricorda Gilmour,che era amico di Syd sin dall'adolescenza.Già allora Barrett aveva quegli occhi profondi,da laser,che colpiscono l'attenzione osservando le prime foto pubblicitarie dei Pink Floyd e le copertine dei dischi di quel periodo.Ma,come dice Gilmour con una sfumatura di tristezza,tutto questo viene dopo....
Syd Barrett rappresentò l'anima dei Pink Floyd,le sue canzoni erano al tempo stesso pungenti e fantasiose.Per arrivare ovunque stesse andando, attraverso la sua mente e la sua musica,ricorse all'aiuto dell'acido e ne prese molto....L'acido lo portò fino a The Pipers at The Gates of Dawn,il loro brillante e sbalorditivo primo album,un album percorso da psicotiche furie strumentali e da esplosioni di rock,da ballate meditative e da favole distorte del pop.Scrisse da solo,o in collaborazione,tutte le canzoni tranne una.Ma proprio allora Syd iniziò a comportarsi in modo strano.Dopo una quasi disastrosa parentesi in America,e una tourneè con la Jimmy Hendrix Experience,gli altri membri del gruppo decisero di far entrare nelle loro file David Gilmour.Ma dopo un breve periodo a cinque,arrivò il momento dell'esclusione di Syd dal gruppo.Nonostante ciò rimaserò sempre legati a lui,come un filo invisibile,aiutandolo nei suoi lavori solisti e ricordandolo parecchie volte nei loro albums futuri,sempre con il pensiero che un giorno sarebbe tornato....
Molti anni dopo che Syd Barrett ha raggiunto la sua breve fama, egli non è altro che uno dei più grandi disastri del rock,il risultato di una tragica catena di eventi provocati dal suo stesso comportamento.

Testi raccolti e riadattati da "Manuali del Rock 4-Pink Floyd"Arcana Editrice