home time

 

63-65 66-67-68-69-70-71-72-73-74-75-76-77-78-85-86-87-88-89-90-91-92-93-94-2001-2005-2006

 

 

12 Giugno 2005
La BBC annuncia nel suo sito la reunion dei Pink Floyd in occasione del Live8. PinkFloydSound.it è il primo sito a dare la notizia online nell'ambiente italiano...checchèsenedica

Cronologia dell'avvenimento nell'Hub di Direct Connect dove ho appreso la notizia

13 Giugno - Questo il resoconto di due utenti del Forum a cui ho chiesto di collaborare,dentro trovate le info relative alle notizie susseguitesi ieri. Vi ricordo che NON CI SONO BIGLIETTI DISPONIBILI quelli presenti erano solo per i cittadini del Regno Unito (si lo sò fà incazzare ma si sapeva già), inoltre pare che si sia adottata una misura anti-bagarinaggio perciò se andate là non fattevi fregare. Per un'eventuale diretta televisiva forse ci si dovrà appoggiare al satellite a meno che la nostra rete televisiva nazionale non faccia qualcosa di buono, una volta tanto... Inoltre è presto per parlare di una reunion definitiva. Al momento si son riuniti solo per questo evento, non ci son progetti futuri dichiarati. Non illudiamoci (in fondo lo facciamo tutti me compreso). Eventuali nuove notizie verranno riportate su queste pagine

A cura di Vince

Tanto tuonò che piovve.
Ma alla fine il delicato suono del tuono non preannuncia acquazzoni o tempeste ma la fine di una eclissi, anche se parziale, durata 24 anni.
Tanti ne sono trascorsi dall’ultima apparizione di uno dei gruppi che ha scritto pagine importantissime nella storia della musica, non solo rock.
La notizia è ufficiale: il 2 luglio sul palco allestito in Hyde Park, a Londra, per il concerto organizzato da Bob Geldof per raccogliere fondi in favore delle popolazioni svantaggiate, si esibiranno i Pink Floyd, nella formazione con la quale hanno affascinato e fatto sognare tutto il mondo: Gilmour-Mason-Waters-Wright.
Dopo anni di dissapori, sfociati anche in battaglie giudiziarie e messaggi a distanza non proprio cortesi, tutto sembra essere accantonato (si spera definitivamente) come dice lo stesso David Gilmour:
"Come la maggior parte della gente voglio fare tutto ciò che posso per persuadere i comandanti del G8 ad impegnarsi enormemente per ridurre la povertà ed aumentare gli aiuti al terzo mondo. E’ incredibile che l’America devolva una così piccola percentuale del suo prodotto interno lordo alle nazioni affamate. Le liti tra Roger e la band accadute in passato sono così piccole in questo contesto, e se la reunion per questo concerto aiuterà a focalizzare l’attenzione allora sarà stata una cosa meritevole."
Il concerto, a detta dello stesso Geldof, è il punto di partenza di quella che lui chiama “la lunga marcia per la giustizia
Sembra che, nonostante il sollevarsi di numerose voci che davano i Pink Floyd come ospiti già da alcune settimane, la decisione sia stata presa nella notte tra venerdi e sabato. Il management dei Pink Floyd riferisce che l’idea è partita dallo stesso Geldof che avrebbe chiamato sia Gilmour che Waters. E, udite udite, sarebbe stato lo stesso Waters a chiamare Gilmour.
Certo, in fin dei conti ai fans del pianeta importa poco di chi abbia chiamato chi. La tanto agognata reunion, più volte annunciata e sempre smentita, questa volta è ufficiale, riportata anche sul sito ufficiale della band inglese.
La nota stonata di questo splendido evento è rappresentata dalle limitazioni poste per l’accesso al concerto. Non sono stati commercializzati biglietti a quanto sembra.
Il diritto di poter assistere alla performance dei Pink floyd di nuovo insieme (oltre agli altri ospiti che si alterneranno sul palco) sarà riservato ai 70.000 fortunati (che avranno diritto a due biglietti) estratti a sorte tra quanti hanno inviato un sms entro domenica ad un numero indicato dall’organizzazione. Inoltre la “lotteria” è riservata ai soli residenti del Regno Unito. Sicuramente una brutta notizia per quanti stavano già programmando la partenza per assistere ad un evento sognato per tanti anni, fosse anche per poche canzoni.
Si spera ora che possano essere commercializzati i diritti televisivi e che tali diritti siano acquisiti da un network in grado di comprendere appieno la potenzialità della manifestazione e quindi di garantire la visibilità diretta del concerto anche a chi, per sua “sfortuna” non è residente nelle terre di Sua Maestà la Regina.
Peraltro sembrano allo studio misure anti-bagarinaggio, per esempio biglietto nominativo non cedibile con tanto di fotografia allegata, anche se è opinione comune che il fenomeno sarà difficilmente controllabile. Addirittura è stato già istituito un pool di legali che vigilerà sui siti di e–commerce e aste on-line. A tal fine è stato contattata la direzione di E-bay che ha dato la piena disponibilità per stroncare sul nascere chi avesse intenzione di lucrare sulla manifestazione.
Al momento non è dato sapere se sarà proprio la band a chiudere il concerto, nè quanti e quali saranno i pezzi eseguiti. E’ ipotizzabile comunque la performance dei pezzi più noti ma non è da escludere la porposizione di brani meno noti ma che riempirebbero di gioia (se ci fosse qualche millimetro quadrato ancora libero) i cuori dei fans più affezionati.

~~~

A cura di Alessandro

Un nuovo mattone sta per essere messo nel muro della musica rock! Questo mattone porta il marchio inconfondibile dei Pink Floyd.
Era dal 1981 all’Earl’s Court di Londra in occasione degli storici concerti-evento di The Wall che la storica formazione post-Barrett non si esibiva più dal vivo: ci sono voluti ventiquattro anni, Bob Geldof (protagonista del film The Wall) e la spinta emotiva di un evento benefico per poter rivedere insieme sul palco Roger Waters, David Gilmour, Richard Wright e Nick Mason.
Dopo una serie di indiscrezioni trapelate dagli organizzatori dell’evento e altrettante smentite degli interessati infatti è finalmente ufficiale: Il 2 luglio prossimo sul palco del "Live 8" di Londra i Pink Floyd ci saranno e saranno al completo.
La notizia è stata data dall'organizzazione del concerto, che si terrà in contemporanea in varie città del mondo per far pressione sui leader del G8 in favore di aiuti all'Africa, e vedrà sul palco le massime star mondiali. La rock band inglese si alternerà sul palco all’organizzatore della manifestazione, Sir Bob Geldof, Sir Paul McCarthey, U2, REM, Coldplay e altre star del panorama musicale mondiale
Questo importantissimo evento potrebbe essere decisivo per mettere una volta del tutto la parola fine ad anni di litigi, cause in tribunali e incomprensioni sfociate addirittura nell’odio reciproco e magari suggellare tra i membri della band una nuova armonia ora che gli anni hanno addolcito i lati più aspri ed acuti dei loro caratteri.
Dalle primissime informazioni che sono trapelate pare che il tutto sia stato organizzato dallo stesso Bob Geldof che parlando con David e Roger è riuscito a strappar loro la promessa di provare per lo meno a pensarci. Roger ha quindi “sotterrato l’ascia di guerra” ed ha chiamato il vecchio amico-nemico David.
Nella serata di venerdì David ha dato il suo benestare seguito nella giornata di sabato dagli assensi di Roger, Richard e Nick. Questa inaspettata e per questo ancora più gustosa reunion sarà la ciliegina sulla torta di questa parata di stelle che non ha la finalità di una mera raccolta di fondi (come il Live Aid di 20 anni fa). A detta dello stesso Geldof infatti il messaggio che dovrà uscire da questo evento è strettamente politico ed indirizzato ai potenti del G8: “Speriamo che i governanti capiscano che non è un capriccio del rock quello da cui stiamo partendo, ma un modo per opporsi al declino economico dell’Africa che dai tempi del Live Aid non si è arrestato un attimo. Non sono un’utopista: credo ai fatti e un fatto sarà la grande manifestazione che verrà messa in piedi a Edimburgo negli stessi giorni dei concerti e del G8. Faremo di tutto per scuotere i governanti”.
I commenti dei diretti interessati sono ancora molto scarni, David Gilmour che sembra essere stato il più restio ad imbracarsi nell’impresa ha affermato: "Come tutti io voglio fare il possibile per convincere i leader del G8 a impegnarsi per lottare contro la povertà e aumentare gli aiuti al Terzo Mondo. Qualsiasi litigio tra Roger e la band hanno avuto in passato è una cosa insignificante in questo contesto, e se riformare il gruppo aiuterà ad attrarre attenzione su questi problemi, allora vale la pena".
Roger Waters invece ha detto: “E’ stato grandioso sentire Bob Geldof chiedermi aiuto per aumentare la consapevolezza pubblica su argomenti importanti come i debiti del terzo mondo e la povertà. Anche l’opportunità di riunire la band, anche se solo per pochi attimi, è un grande bonus”
Non ci resta altro da fare ora che goderci questa attesa apparizione, ben consci dell’importanza che essa avrà al di fuori dell’ambito strettamente musicale, e continuare a sperare che i germi di bontà e altruismo che si respireranno in quel 2 luglio londinese fioriscano creando una nuova armonia e unità di intenti tra di loro. Se tutto questo non dovesse succedere e se davvero non avremo più la fortuna di vedere i Pink Floyd nella loro formazione storica suonare dal vivo o lavorare in studio… ci consolerà l’idea che la loro ultima apparizione sia stata perlomeno per una buona causa!

16 Giugno - Verranno suonate 4 canzoni tre delle quali estratte sicuramente da Dark Side (che intanto è riapparso nelle classifiche di vendita italiane al 92° posto).In alcune città inglesi verranno predisposti dei mega schermi per dar modo,a chi non ha la possibilità di partecipare all'evento, di vedere l'esibizione degli artisti. L'evento sarà sicuramente trasmesso attraverso la rete BBC ,sia radio che televisione (terrestre e satellite),per ulteriori info visitate il sito della BBC .

17 Giugno - AOL pare trasmetterà il concerto in streaming sia free che on demand,ovvero libero senza banda garantita e un canale apposito per gli utenti a pagamento.
Nel sito della BBC Geldof afferma che le persone senza biglietto potranno entrare ad Hyde Park per vedere il concerto attraverso i megaschermi.Il concerto verrà trasmesso dalla BBC dalle 13:00 fino alle 16:00 (ora di Londra) su BBC 2 e dalle 16:00 fino alle 21:30 (sempre ora di Londra) su BBC1. Ci saranno collegamenti anche con le altre città europee e il problema sorge se qui in Italia nessuno si preoccuperà di fare altrettanto. Non è dato intendere se verrà trasmesso anche via satellite. Ulteriori info qui

18 Giugno - Sul sito della Rai viene pubblicato l'orario della diretta del concerto del Live8

Questi gli orari:

Dalle 14.35 fino alle 18.55

Dalle 20.00 fino alle 23.05 e riprenderà alle 23.25

L'esibizione dei Floyd viene trasmessa appena dopo la mezzanotte ora italiana,a concerto già iniziato....

22 Giugno - Il Live8 verrà trasmesso da Sky sul canale 109 con possibilità di scelta tra i vari concerti (la visione è consentita solo agli abbonati)

24 Giugno - Su La Repubblica di oggi appare un articolo che parla del Live e dei Floyd. Geldof annuncia la scaletta dei Pink Floyd che dovrebbe essere di tre brani: Breathe,Wish You Were here e Comfortably Numb. Come sempre si aspettano conferme.Ecco l'articolo

27 Giugno - Nick Mason dichiara che non si sono ancora incontrati per le prove: "Non abbiamo ancora provato.Inizieremo presto,entro questa settimana. Questo il link per ulteriori info

28 Giugno - Sulla rivista Radio Times è apparsa un'intervista a Nick Mason riguardo le vicende che han portato alla reunion,la fonte è il sito inglese di Brain Damage ,la traduzione è a cura di Albatross.

Con la riunione dei Pink Floyd e Roger Waters a quattro giorni dal concerto Live 8 di Londra, abbiamo avuto più dettagli sulle trasmissioni TV internazionali, ed anche una nuova intervista con Nick Mason che è stata pubblicata oggi. E - promemoria - domani ci sarà la distribuzione di 55,000 biglietti supplementari in punti selezionati del Regno Unito. Solo un paio per persone, e si prevede una vendita molto rapida, ma consentirà una chiara visione dei video in Hyde Park (ndr: e che vuol dire?????) Tornando all'intervista, è stata pubblicata nelle nuove guide ai programmi TV Radio Time (oggi, data di copertina 2 - 8 luglio) che ha 9 pagine di special sul live 8, incluso interviste con molte delle stars coinvolte nello show. Dice Nick che Bob "voleva una novità forte. Era un testa o croce tra noi e le Spice Girls (ndr: esiste un Dio... ed è un intenditore di musica). Non sono sicuro se abbiamo vinto o perso." "Bob parlò con David Gilmour e David non era smisuratamente entusiasta. Con buone ragioni, secondo me. Lui è nel mezzo di un progetto solista. Bob mi telefonò dicendomi, 'David Gilmour non lo farà'. Ed io pensai, bhe questo è Dave. Puoi portare un cavallo fino all'acqua ma non puoi farlo bere. Nel caso di Dave non puoi nemmeno portarlo vicino all'acqua. Ma poi Bob parlò a Roger e lui era d'accordo. Io penso che lui sentisse - noi tutti sentivamo, davvero - che era stata una vergogna non suonare al Live Aid, ma non esistevamo come Band in quel periodo. Quindi Roger chiamò David e ciò lo convinse. Non c'è stata molta conversazione negli ultimi dieci anni. Tutto questo è quindi abbastanza positivo per noi." "Non puoi continuare la terza Guerra mondiale per sempre". Conclude Mason: "Se non ci fossimo riuniti per il live 8, sospetto che l'avremmo fatto per un altro evento di carità. È una buon ragione per farlo; un modo di costruire ponti per giuste cause piuttosto che bruciarli completamente.

1 Luglio - Pare decisa la scaletta dei Floyd.In questo link son presenti tutti i gruppi e le loro performance.I Floyd pare suoneranno verso le 22.00 ora italiana, per penultimi come annunciato,a parte il gran finale dove parteciperanno tutti gli artisti.Questa la loro scaletta: Money, Comfortably Numb, Wish You Were Here
Pare pure che abbiano preparato dei fuochi d'artificio a spese loro da lanciare durante la loro esibizione.Ormai non ci resta che aspettare l'evento di domani. Ormai circolano su vari siti e forum alcuni link su delle foto di Waters e Gilmour durante una cena di gala.Inserisco per i visitatori di questo sito i links alle foto. Waters,Gilmour e la moglie di Gilmour e Gilmour con Waters .

2 Luglio - Sebbene tutti i siti legati al Live8 abbiano pubblicato la scaletta "definitiva" pare che i Floyd abbiano suonato durante le prove del pomeriggio 4 canzoni e non 3 come quelle previste. Ritorna in corsa Breathe come candidata per completare la performance,quindi si preannuncia una scaletta abbastanza interessante:
Breathe,Money Comfortably Numb e Wish You Were Here.

In ogni caso si vedrà stasera cosa realmente verrà presentato sul palco

3 Luglio - I Pink Floyd hanno finalmente suonato ed è stata un'emozione veramente incredibile.Scaletta Speak To Me,un meddley tra Breathe e Breathe Reprise,poi Money,Wish You Were Here e infine la splendida Comfortably Numb. A breve verranno pubblicate le foto del video.

Qui alcune recensioni di utenti del forum

4 Luglio - Stamane La Repubblica dedicava un articolo all'esibizione dei Pink Floyd, vedi la foto

4 Luglio - La notizia gira da questo pomeriggio ma ho avuto solo ora il momento per riportarla qui.
Nick Mason,intervistato da un giornalista,dice che i Pink Floyd potrebbero partecipare ad un altro concerto in occasione di un'eventuale pace tra Israele e Palestina. Nonostante ci siano le problematiche dei lavori solisti di Gilmour e Waters,non è da escludere questa ipotesi.

9 Luglio - Notizie già note ma che riporto per dovere di cronaca. Le vendite dell'album Echoes The Best of hanno avuto negli ultimi giorni un aumento incredibile. David Gilmour ha annunciato che il ricavato delle vendite sarà destinato ai fondi per gli aiuti all'Africa. Inoltre è stato proposto un compenso di 150 milioni di dollari per un'eventuale tour negli States,prontamente rifiutato dai Floyd dichiarando che l'evento del Live8 è stata un'eccezione.

Sempre in merito all'esibizione dei Floyd ho pubblicato una sequenza d'immagini tratte dal video.Potete visionarlo qui .

14 Luglio -

Sempre da BrainDamage-UK

Waters dichiara ancora in un'intervista: "Le possibilità di ulteriori sviluppi della reunion dei Pink Floyd sono molto poche. La reunion al Live 8 non sarebbe potuta essere migliore, è stato eccezionale, ero veramente felice che accadesse, è andato tutto a meraviglia ed è stato assolutamente bello, ma Dave ed io abbiamo grosse divergenze musicali, filosofiche, artistiche e politiche" ha detto con una risata "quindi riunirsi non sarebbe probabilmente l'idea più brillante."

14 Luglio -
ROGER WATERS PARLA DELLA REUNION PER IL LIVE 8

Roger Waters è stato intervistato ieri da Sal Cirrincione, della Premiere Radio Networks negli USA, sulla reunion dei PF, al concerto di Londra del Live 8 il 2 luglio. L’intervista, in onda oggi, è stata diffusa su centinaia di radio nord americane. Roger nell’intervista dice: “Mi è piaciuto il soundcheck [venerdì] e la manifestazione. E’ stato un lungo giorno di attesa, sai, scorreva un sacco di adrenalina. Quando faccio I miei tour, ho più controllo su tutto, e non tendo a diventare nervoso, solo qualche battito prima di cominciare. ”Ma era quasi una prova di nervi aspettare ore e ore per cominciare, e domandarsi come sarebbe stato. Ma mi sono davvero divertito, e ho sentito un gran calore dal pubblico ed è stato bello stare li con gli altri ragazzi e farlo per una giusta causa. E’ stato bello”.

Poi Roger parla del futuro dei PF: “Mai dire mai, voglio dire, sotto certe simili circostanze, o in qualche maniera, potremmo fare ancora qualcosa assieme.”

DAVID GILMOUR PARLA DELLA REUNION E DEL FUTURO

Parlando del concerto David dice: “Era abbastanza sorprendente, devo dire, di ritrovarci in quel modo [di nuovo sul palco] dopo tutti i nostri anni di litigi,” e aggiunge che lui e Waters sono ora su “posizioni abbastanza amichevoli. Abbiamo comunicato un paio di volte via e-mail dopo il concerto da quando lui è tornato negli States,dove vive. Sono stati dei bei saluti e ringraziamenti”. “Non sarebbe per nulla impossibile che una cosa simile possa ancora accadere su basi simili, ma questo è tutto per me – Sono andato avanti in questi ultimi 20 anni”.

Il discorso poi va sull’album solista di David, che come abbiamo già riportato tempo fa è in fase di costruzione. “sono a metà del lavoro, che sarà fuori sotto mio nome il prossimo anno, e farò qualche data per promuoverlo.”

Altrove, David, ha scritto un articolo completo affermando che gli altri artisti del live 8 dovrebbero donare ogni profitto in beneficenza. Come è stato notato, tutti gli artisti (fatta eccezione di Pete Doherty) hanno assistito ad un aumento delle vendite, alcuni in maniera incredibile. Infatti, la chart inglese di questa settimana ha non meno di 4 album dei Floyd – Echoes (numero 19), Dark Side of The Moon (41), Wish You Where Here (65) e The Wall (74), e David ha già in programma di donare il suo extra in beneficenza. Questa classifica mostra numerosi ri-ingressi in classifica, e se solo alcuni degli artisti seguiranno l’esempio di David, la beneficenza ne sara di sicuro aiutata.

Fonte BrainDamage-UK, traduzione di Albatross

Altre info riguardo gli avvenimenti del Live8 li trovate nel forum


Cover by Albatross

4 Ottobre 2005

Dalla EMI arriva un comunicato nel quale si dichiara che il DVD di Pulse vedrà finalmente la luce il 5 Dicembre di quest'anno.

Naturalmente notizia puntualmente smentita dalla mancata uscita del DVD

63-65 66-67-68-69-70-71-72-73-74-75-76-77-78-85-86-87-88-89-90-91-92-93-94-2001-2005-2006